Skip to content

BITCOIN STA SUCCHIANDO LIQUIDITÀ DA TUTTI I PRINCIPALI MERCATI, I GRAFICI MOSTRANO

Mercoledì, l’evangelista di Bitcoin e investitore di Wall Street Raoul Pal ha pubblicato una serie di grafici che contrappongono la crittovaluta ai principali mercati finanziari.

Ogni grafico è apparso identico all’altro, in quanto ha mostrato come gli asset/indici mainstream fossero più bassi rispetto ai Bitcoin, al punto che tutti hanno testato una trendline di supporto a medio termine. Tra questi vi erano l’oro, il Nasdaq Composite e i suoi sottoindici/stock, che comprendono l’indice KBW Bank Index, il Treasury Bond ETF Fund, l’argento, le azioni Amazon e altri.

Il signor Pal ha notato che ogni indice/attività sta cercando di rompere la linea di tendenza del supporto. La previsione puntava verso una maggiore forza per la Bitcoin in quanto paragonava il cripto con un “buco nero supermassiccio che sta risucchiando tutto ciò che gli sta intorno e lo sta distruggendo”.

“Vedete, l’oro si sta spezzando contro il bitcoin”, ha aggiunto il signor Pal. “E gli investitori d’oro passeranno a BTC. Il Nasdaq è il prossimo. Le specifiche di vendita al dettaglio passeranno a Bitcoin mentre mangia il pranzo dei tecnici”.

SOTTOINDICI PIÙ DEBOLI

Alcuni sottoindici del Nasdaq si sono già rotti al di sotto del supporto di Ascending Trendline. L’indice KBW Bank Index (NASDAQ: BKX), un indice azionario di riferimento del settore bancario, è sceso ai livelli più bassi rispetto al Bitcoin, mentre le preoccupazioni per l’aumento delle inadempienze sui prestiti sottolineavano le società finanziarie.

Inoltre, l’iShares 20+ Year Treasury Bond (NASDAQ: TLT) si è svalutato a fronte dell’aumento dei prezzi Bitcoin, aggiungendo alla speculazione che l’economia statunitense si sta dirigendo verso un periodo prolungato di tassi di interesse più bassi. La Federal Reserve si è già impegnata a mantenerli vicini allo zero fino al 2023.

L’analogia è stata la stessa per il bilancio della Banca Centrale G4, il Refinitiv/CoreCommodity CRB Index e Apple. Tutto è caduto contro il Bitcoin.

“La macro, i flussi, la tecnologia, la demografia e le tensioni sociali sono tutti confluiti in questo momento e la risposta definitiva dei mercati è il Bitcoin”, ha scritto il signor Pal. “Capisco che questo suona un po’ evangelico, ma sto lottando per vederla in qualsiasi altro modo in questo momento”.

BITCOIN A 20.000 DOLLARI

Mentre il denaro continua a fluire nel mercato Bitcoin, il signor Pal ha anche indicato che la criptovaluta potrebbe presto tornare al suo precedente record di 20.000 dollari.

Come per il signor Pal, non esiste un livello di resistenza storicamente concreto superiore ai 14.000 dollari.

All’inizio del 2017, ci è voluta solo una settimana a BTC/USD per pompare da 13.000 dollari a 19.891 dollari in cambio di Coinbase. Mentre il rally ha preso spunto soprattutto dal famigerato boom dell’ICO, ha lasciato piccoli indizi ai grafici tecnici per scegliere i loro obiettivi lunghi ideali per il prossimo breakout sopra i 14.000 dollari.

“Mi aspetto nuovi massimi di tutti i tempi al più tardi all’inizio del prossimo anno”, ha predetto il signor Pal.

Sidebar